Adesione all'appello di Montpellier

La Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana degli A:.L:.A:.M:. – Tradizione di Piazza del Gesù, Grande Oriente di Roma, ha aderito ufficialmente, con una lettera inviata al Gran Maestro del Grande Oriente di Francia, all’appello di Montpellier ai popoli e governi dei paesi mediterranei per l’installazione di Stati Generali del Mediterraneo

 

L’Appello di Montpellier

Noi, Liberi Massoni, uomini e donne, riuniti in conferenza euro-mediterranea a Montpellier il 17 e 18 Giugno 2016 dal Grande Oriente di Francia, siamo decisi a tracciare delle vie di sviluppo, di dignità e di pace tra i popoli.

Questo ragionamento si appoggia sul nostro attaccamento ai valori delle civiltà che i popoli del Mediterraneo perpetuano da millenni e per ridurre le disgrazie, le guerre e la barbarie.

Per arrivarci è doveroso aiutare i rifugiati, in fretta e a tutti i livelli, e anche coloro i quali si trovano in difficoltà. É un dovere ed una responsabilità, per ciascuno di noi, di tendere la mano.

Ma occorre vedere ancora più lontano: lottare contro le disuguaglianze con un aiuto da parte dei più ricchi per i più indigenti, per assicurare a tutti la soddisfazione dei bisogni fondamentali: vitto, alloggio, diritto alla salute.

Per ciò è doveroso attuare una cooperazione politica e economica disinteressata.

Noi, Liberi Massoni, uomini e donne, chiediamo che dappertutto sia scrupolosamente rispettata la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e in particolare la libertà di coscienza. 

Il cammino verso la pace ha bisogno di una democrazia più ampia, di una giustizia indipendente, di poteri equilibrati, che si devono installare e consolidare in paesi con sistemi politici differenti.

Che tutti gli uomini e tutte le donne godano degli stessi diritti, che gli stessi insegnamenti siano loro dati dalle elementari ai titoli di studi superiori.

Auspichiamo la creazione di luoghi di lingua e di cultura intorno al Mediterraneo per favorire la conoscenza e la comprensione reciproca, essendo il libero accesso alla conoscenza e alla sua diffusione, qualsiasi ne sia il supporto, una condizione indispensabile allo sboccio delle libertà.

Chiediamo l’installazione di Stati Generali del Mediterraneo per permettere a tutti i popoli di esprimere liberamente le loro speranze e la loro creatività.

Dobbiamo costruire dinamicamente un nuovo umanismo.

Noi, Uomini e Donne Liberi Massoni, ci assumiamo l’impegno di contribuire a questo progresso, a questo cammino verso la felicità e invitiamo i popoli e i governi della regione Euromediterranea ad associarsi.

Solstizio d'Estate a Roseto degli Abruzzi

18 Giugno 2016 - pomeriggio

FEDERAZIONE EUROPEA OBBEDIENZE MISTE (F.E.O.M.) - Roma

Grande Oriente Dei Tre Mari D’Italia - Sanremo

Gran Loggia Federale D’Italia - Roma

Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana degli A.L.A.M. – Tradizione di Piazza del Gesù - Roma

Gran Loggia Italiana di R.S.A.A. - Pisa

 organizzano il

 Solstizio d’estate 2016

presso

 Agriturismo Borgo degli Ulivi

Contrada Volpe n.7- Cologna Paese (Roseto degli Abruzzi)

Ore 17.00 raduno al Casale Colle della Corte per raggiungere l’Agriturismo indicato

Ore 17,30  raduno degli iscritti alle associazioni indicate

Ore 18,00 Apertura dei lavori e ricevimento dei Dignitari

Ore 18,30 /19,30 Cerimonia del solstizio

 

 Il programma completo nel pdf allegato. 

Programma 16-17-18 Giugno.pdf 

 

 

 

Am Groner Freiband N5

“Donne da redimere e che redimono. E’ questo il primo appunto che mi sono scritto nel leggere «Am Groner Freiband n° 5» di Michael Sfaradi. Chi avesse avuto modo di leggere «I lunghi giorni della Arctic Sea» potrebbe condividere questa mia osservazione.

In Arctic Sea il protagonista incontra una donna problematica, ormai incapace di amare, perché convinta dalle sue traumatiche esperienze di non essere degna d’amore e la redime con un inaspettato gesto di rispetto. Da quel gesto di redenzione sarà a sua volta redento, scoprendo la relazione d’amore con il femminile.

In «Am Groner Freiband n°5» la redenta è Rivka, l’istruttrice di ferro delle reclute israeliane, alla quale il trauma della morte del marito ha inibito la femminilità. Nel rapporto con Ruben, il protagonista del romanzo di Sfaradi, Rivka riscoprirà il suo essere donna, sbloccando anche la sua maternità. L’inconsapevole redentore, nell’apprendere le motivazioni profonde della dinamica redentiva, sarà a sua volta redento, scoprendo finalmente l’amore per il femminile.

Sfaradi, nei due romanzi, affronta il tema dell’eterno femminino, del suo problematico rapporto con un maschile incapace di comprenderlo, ma redimente e redento quando si concede all’incontro.

Rosy Domini, con l’immagine di copertina, dà forza alle mie impressioni. La Gänseliesel, la statua della guardiana delle oche della fontana di Göttingen, è complesso simbolico che sostiene iconograficamente quanto con lo scritto ci trasferisce Sfaradi e ci introduce all’eterno femminino come sedes sapientiae.

Il secondo appunto riguarda Israele, patria in quanto luogo dei padri: non territorio, ma itinerario.

Ruben sogna una patria dove, come scrive Sfaradi, “l’unico sporco ebreo è un ebreo che non si lava”; è una patria rifugio, dove non c’è la pressione del secolare disprezzo voluto dai cristiani per il popolo deicida e dagli islamici per chi ha tradito il messaggio divino. Israele è la terra degli ebrei, dove gli ebrei si riconoscono e dove non c’è chi li guarda di traverso o li considera dei subumani. Tuttavia la terra sognata si rivela necessariamente un sogno.

Ruben sente il richiamo della diaspora, che si materializza in un luogo catartico, la Germania di Göttingen, dove due Sefer Torah, miracolosamente salvi, rendono evidente la verità insita nel detto: «Nulla accade a caso», ma anche la realtà cogente di quel fenomeno che Jung definisce sincronicità e che spesso è banalizzato, per insipienza, nel concetto di coincidenza. I due Sefer Torah sono i testimoni della diaspora che è Israele come itinerario di un popolo iniziatico, depositario e custode di antiche sapienzialità, la cui origine si perde nella notte dei tempi e che sono «radici».

Il destino di un popolo iniziatico non è e non può essere la stanzialità, ma il cammino, in quanto la «terra promessa» non è una terra, ma la Terra.

Il tema di un popolo iniziatico non è il dominio, ma la semina.

E così i Sefer Torah riemergono dalle rovine, come i geroglifici, il  Per Em Ra, l’’Enuma Elish, le Triadi bardiche e tanti altri tasselli tradizionali, i quali, risalendo, come fa il salmone, verso la sorgente, riconducono alla Tradizione.

Ruben, cercando la diaspora trova se stesso e si orienta; ritrova il senso di un cammino.

La diaspora è panspermia, è semina costante; è cammino senza sosta.

Il destino di un popolo iniziatico non è facile, anzi: è difficile e doloroso, ma è fecondo”. 

Silvano Danesi

La R:.L:. Athanor nella Serenissima

La R:.L:. Athanor, all'Oriente di Forlì, nella Valle del Montone, è da oggi, 29 aprile 2016, parte attiva della nostra Comunione. Alle Sorelle e ai Fratelli della R:.L:. Athanor, il caloroso benvenuto dell'intera Comunione. 

La R:.L:.Hiram nella Serenissima

La R:.L:. Hiram all'Oriente di Fermo, nella Valle del Tenna, è da oggi, venerdi 29 aprile 2016, parte attiva della nostra Comunione. Alle Sorelle e ai Fratelli della R:.L:. Hiram, il caloroso benvenuto dell'intera Comunione. 

I like very much this iPage Hosting Review because this is based on customer experience. If you need reliable web hosting service check out top list.

Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana
degli
A.:L.:A.:M.:
Sito Ufficiale

Copyright Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.